Servizio Civile

Bando Servizio Civile 2018

Tra non molto tempo aprirà il bando per il Servizio Civile 2018, che da quest’anno sarà universale”, come da decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 78 e concernente l’istituzione e la disciplina del servizio civile universale in attuazione dei principi e criteri di delega di cui all’articolo 8 della legge 6 giugno 2016, n. 106.
Se hai tra i 18 e i 28 anni Arci Cremona ti aspetta per offrirti un anno di formazione, solidarietà, nuove amicizie e impegno rimborsato dallo Stato: cerchiamo in tutto 9 volontari per 2 progetti da sviluppare nella provincia di Cremona, in particolare a Cremona, Crema e Rivolta d’Adda.

Cos’è il Servizio Civile

Il servizio civile, che da quest’anno sarà “universale” e non più “nazionale”, è un’istituzione della Repubblica Italiana, istituita con legge statale, che permette ai giovani dai 18 ai 28 anni di svolgere un anno di volontariato presso associazioni del Terzo Settore e organizzazioni pubbliche.

Questo istituto, che deriva dall’obiezione di coscienza, permette di adempiere in modo non violento al dovere di difendere la Patria sancito dall’art. 52 della Costituzione italiana, promuovendo la pace come indicato all’Art. 11.

I progetti di servizio civile durano 12 mesi e prevedono un monte ore di 1200 h, che non può essere esaurito prima del termine del progetto.

L’impiego è di 5 giorni a settimana, per 6 ore al giorno, salvo esigenze particolari del progetto e delle attività.

Il servizio civile non è un lavoro retribuito.
Ai volontari spetta un rimborso di 433,80 € al mese.
Arci Cremona e Arci Servizio Civile Lombardia non sono responsabili del versamento delle mensilità, che viene effettuato direttamente dall’Ufficio Nazionale del Servizio Civile il 28 di ogni mese successivo.

Chi può partecipare

Ad eccezione degli appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia, possono partecipare alla selezione i giovani, senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto 18 anni e non superato 28 anni, in possesso dei seguenti requisiti:
– cittadini italiani;
– cittadini degli altri Paesi dell’Unione europea;
– cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti;
– non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

Non possono presentare domanda i giovani che:
a) abbiano già prestato servizio civile nazionale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista, o che lo stiano prestando ai sensi della legge n. 64 del 2001, nonché coloro che alla data di pubblicazione del presente bando siano impegnati nella realizzazione di progetti di servizio civile nazionale per l’attuazione del programma europeo Garanzia Giovani e per l’attuazione del progetto sperimentale europeo IVO4ALL;
b) abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Non costituisce causa ostativa alla presentazione della domanda di servizio civile nazionale l’aver già svolto il servizio civile nell’ambito del programma europeo “Garanzia Giovani” o aver interrotto il servizio civile nazionale a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell’ente originato da segnalazione dei volontari.

Come presentare la domanda

In attesa dell’uscita del bando di Servizio Civile 2018, segnaliamo già le modalità tramite cui consegnare la propria candidatura: la domanda dovrà essere consegnata:

a mezzo “raccomandata A/R”, che deve pervenire entro la data di scadenza del bando, all’indirizzo Arci Servizio Civile Lombardia, Via dei Transiti, 21 – 20127 Milano. NON FA FEDE IL TIMBRO POSTALE.

consegna a mano all’indirizzo Arci Servizio Civile Lombardia, Via dei Transiti, 21 – 20127 Milano, dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 17.30

tramite Posta Elettronica Certificata, (PEC), indirizzata esclusivamente all’indirizzo PEC di ASC Nazionale (arciserviziocivile@postecert.it) come da art. 16 bis, comma 5 della legge 28 gennaio 2009,n.2. Il candidato che utilizzerà questa modalità di invio deve essere titolare di un indirizzo PEC e deve allegare tutta la documentazione richiesta in formato PDF;

Documenti da presentare

Copia di un documento di identità valido
Curriculum firmato
Documentazione per l’iscrizione (non ancora disponibile)
Eventuali allegati che attestino i titoli posseduti (in formato A4): 1 fotocopia

I progetti di Arci Cremona:


Rigener
are per condividere:
Terza età attiva al servizio della comunità.

Con questo progetto Arci Cremona desidera creare nuovi percorsi di aggregazione sociale e crescita per gli over 65 (visti i prossimi trend di crescita demografica delle persone anziane e il cambiamento di aspettative del ruolo sociale degli over 65) che garantiscano il mantenimento di una buona qualità della vita anche nella terza e nella quarta età.
D’altra parte gli anziani sono anche una risorsa importante che, se adeguatamente accompagnata, può dare molto al territorio in termini di tempo per gli altri, di competenze e di esperienza. In questo senso lo scambio intergenerazionale, ovvero tra anziani e giovani, può essere il punto di svolta per creare occasioni di coesione sociale nuove ed importanti per il territorio della provincia: i circoli Arci popolati in prevalenza da anziani possono diventare luoghi aperti alle esigenze aggregative e ludiche di molteplici fasce di età ma anche luoghi di rinnovato mutualismo, dove persone di diverso genere, età e provenienza possono aiutarsi a vicenda per dare risposta ad esigenze comuni, utili al quartiere in cui sono inserite e attente alle persone con fragilità.
Il progetto si estende a livello provinciale, in particolare a
Cremona con Arci Cremona Comitato Territoriale e il Circolo Arci Carlo Signorini, nel cremonese con il Circolo Arci Persichello a Persico Dosimo e nell’alto cremasco a Rivolta d’Adda con il Circolo Arci Il Sole.
I volontari lavoreranno nei circoli a stretto contatto con i soci e i dirigenti per studiare nuove attività e servizi che aprano le porte dei circoli a nuovi frequentatori, giovani e non, con servizi di utilità sociale a servizio del quartiere o del paese, con particolare attenzione all’inclusione di persone con fragilità, in sinergia con altri enti del territorio.
Saranno inoltre formati sui temi dell’associazionismo di promozione sociale, del welfare di comunità e sulla comunicazione per gli enti non profit.
Su questo progetto cerchiamo 5 volontari, 4 su Cremona e 1 su Rivolta d’Adda.

Scarica il progetto completo

Scarica il riassunto delle attività previste

 

A scuola di rappresentanza:
Arci per il
protagonismo studentesco e la cittadinanza attiva.

La partecipazione attiva dei giovani alle decisioni e alle attività a livello locale e regionale è essenziale se si vogliono costruire delle società più democratiche, più solidali, e più prospere. Partecipare alla vita democratica di una comunità, qualunque essa sia, non implica unicamente il fatto di votare o di presentarsi a delle elezioni, per quanto importanti siano tali elementi. Partecipare ed essere un cittadino attivo, vuol dire avere il diritto, i mezzi, il luogo, la possibilità e, se del caso, il necessario sostegno per intervenire nelle decisioni, influenzarle ed impegnarsi in attività ed iniziative che possano contribuire alla costruzione di una società migliore”
[Carta Europea della Partecipazione dei Giovani alla vita locale e regionale – adottata dal Congresso dei poteri locali e regionali d’Europa il 21 maggio 2003]
Con questo progetto Arci Cremona desidera creare una rete di supporto agli studenti delle scuole superiori della provincia di Cremona attraverso i circoli giovanili aderenti ad Arci, in particolare il Circolo Arcipelago a Cremona e il Circolo Arci Ombriano a Crema, con l’aiuto dello Sportello Scuola Volontariato del Cisvol e Rete Donne Cremona.
In particolare vorremmo aiutare gli studenti ad organizzare meglio la propria rappresentanza all’interno degli istituti scolastici, a sviluppare momenti di socialità e aggregazione all’interno delle scuole e fuori, a creare momenti di formazione rivolti agli studenti stessi per accrescere le loro competenze di cittadinanza attività e partecipazione all’interno delle scuole e verso le istituzioni del territorio.
Nel concreto, i volontari di servizio civile lavoreranno per strutturare attività e servizi rivolti agli studenti delle scuole superiori del territorio, avranno la possibilità di inventare attività aggregative e di socializzazione da proporre agli studenti presso le sedi dei circoli, entreranno nelle scuole per presentare l’associazione e avranno la possibilità di essere formati sui temi dell’associazionismo, della rappresentanza, del funzionamento degli organismi scolastici e acquisiranno competenze nel campo della comunicazione per il non profit. Su questo progetto cerchiamo 4 volontari, 2 per Cremona e 2 per Crema.


Scarica il progetto completo

Scarica il riassunto delle attività previste